Unknown

Alice in Wonderland: la mostra delle meraviglie

Gaskell
© Anna Gaskell, Untitled #6 (Wonder), Yvon Lambert Gallery, New York – Alice in Wonderland, 2012

I classici di Lewis Carroll Alice nel Paese delle Meraviglie e Attraverso lo specchio hanno ispirato generazioni di artisti; oggi il mondo incantato di Alice viene rievocato nella mostra al Mart di Rovereto dove – dal 25 febbraio al 3 giugno 2012 – sono esposte alcune opere influenzate proprio dal romanzo: illustrazioni originali, fotografie scattate dall’autore (Carroll infatti era anche un fotografo e collezionista d’arte, oltre che un professore di matematica) e opere surrealiste, concettuali e contemporanee.
La mostra è organizzata dalla Tate Gallery di Liverpool in collaborazione con l’Hamburger Kunsthalle Museum, oltre che col Mart, ed è a cura di Christoph Benjamin Schulz e Gavin Delahunty, con l’assistenza di Eleanor Clayton. 

Nyima
© Annelies Štrba-Nyima, Frith Street Gallery, Londra – Alice in Wonderland, 2012
Gordon
© Douglas Gordon, Through a Looking Glass (video proiezioni sonore), Collezione Astrup Fearnley – Alice in Wonderland, 2012

Il percorso espositivo si apre con la prima edizione a stampa di Alice’s Adventures in Wonderland (pubblicata a Londra nel 1865): in mostra le illustrazioni autentiche di Sir John Tenniel per il romanzo, insieme alla riproduzione del manoscritto originale coi disegni autografi di Carroll, donato dallo stesso autore alla piccola Alice Liddell, figlia del decano della Christ Church (il college oxfordiano dove lo scrittore insegnava matematica), alla quale si è in parte ispirato per il personaggio di Alice.
Carroll ha frequentato attivamente gli ambienti artistici londinesi stringendo amicizia con artisti del calibro di Dante Gabriele Rossetti e Sir John Everett Millais, che ha ritratto con la macchina fotografica arrivando a comporre una collezione che conta oggi circa 3.000 fotografie, riconosciute come una testimonianza significativa dell’Inghilterra vittoriana.

Blake
© Sir Peter Blake, Illustrations to Through the Looking-Glass / Alice in Wonderland, 2012
Ernst
© Max Ernst, Alice in 1941 – Alice in Wonderland, 2012
Wesley
© John Wesley, Alice che cade, Fredericks & Freiser, New York – Alice in Wonderland, 2012

In esposizione anche opere di Millais, William Holman Hunt e Arthur Hughes, a riprova di come gli stessi artisti furono influenzati dall’immaginario dello scrittore.

A chiudere la mostra una sezione di opere contemporanee in cui spiccano gli scatti di Francesca Woodman, i disegni di Kiki Smith, il doppio video di Douglas Gordon e i collage di Liliana Porter.

Millais
© Sir John Everett Millais, Waking, Perth Museum and Art Gallery – Alice in Wonderland, 2012
Unknown
Unknown, Alice in Wonderland magic lantern slide, The Bill Douglas Center for the History of Cinema and Popular Culture – Alice in Wonderland, 2012
Untitled
© Cindy Sherman, Untitled, Mart di Rovereto – Alice in Wonderland, 2012

Alice in Wonderland è a tutti gli effetti la prima mostra che analizza l’influenza di Lewis Carroll sulle arti visive a tutto tondo; d’altronde i temi-chiave del romanzo restano attuali: il rapporto tra significato e nonsense, la realtà vera e quella percepita, il passaggio dall’infanzia all’età adulta, tematiche che ispirano incessantemente l’arte.

Alice in Wonderland partirà anche al Hamburger Kunsthalle Museum (in Germania) il prossimo 15 giugno per concludersi il 30 settembre 2012.

via
Cultura Italia
Mart – Museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto
Hamburger Kunsthalle Museum

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...